Contenuto principale

Negligenza grave

In breve

Negligenza grave

Negligenza: può succedere! = Nessuna riduzione delle prestazioni

 

Negligenza grave: Non deve accadere! = Riduzione delle prestazioni

 

Riduzioni per infortuni non professionali:

Nessuna riduzione per gli infortuni professionali

 

Sistemi esperti: Riduzione e rifiuto delle prestazioni assicurative

Disposizioni legali

Negligenza grave

Art. 37 cpv. 2 LAINF

 

In deroga all'articolo 21 capoverso 1 LPGA , nell'assicurazione contro gli infortuni non professionali, le indennità giornaliere versate nei primi due anni dopo l'infortunio sono

anni successivi all'infortunio sono ridotte se l'infortunio è stato causato da negligenza grave della persona assicurata.

 

Tuttavia, la riduzione non può superare la metà delle prestazioni se, al momento dell'infortunio, l'assicurato si occupava di persone a carico che avrebbero avuto diritto a una rendita per i superstiti in caso di morte.

Nesso causale tra comportamento e riduzione necessario per la riduzione

Principio

Sentenza 8C_263/2103 del 19.08.2013 E. 4.3 (testo integrale): Condizione necessaria: causalità naturale e adeguata

 

La colpa grave giustifica una riduzione delle prestazioni dell'assicuratore contro gli infortuni solo se esiste un nesso di causalità naturale e adeguata tra il comportamento e l'evento infortunistico o le sue conseguenze.

L'affermazione dell'adeguatezza significa che il comportamento è una causa sostanziale

Sentenza 8C_9/2023 del 10.05.2023 E. 5.5.2 (testo integrale)

 

Per l'affermazione del nesso causale adeguato, è sufficiente

  • se il comportamento gravemente negligente della persona assicurata costituisce una causa sostanziale.

In linea di principio, è irrilevante che altre circostanze siano state coinvolte nella realizzazione del danno. Qualsiasi colpa di terzi non deve quindi essere presa in considerazione, a meno che non abbia un'importanza causale così intensa che il nesso di causalità tra la colpa dell'assicurato e l'incidente o le conseguenze dell'incidente non appaia più adeguato (sentenza U 186/01 del 20 febbraio 2002 E. 4a e 4b).

Mancato uso delle cinture di sicurezza

BGE 109 V 150 del 30.08.1983 E. 3c (testo completo): Comportamento causale con riduzione

 

Sulla base di un'esperienza scientificamente provata con le cinture di sicurezza, si può quindi di norma presumere con estrema probabilità che le cinture di sicurezza sarebbero state efficaci e che le lesioni non si sarebbero verificate o non si sarebbero verificate nella stessa misura nel corso ordinario degli eventi, anche in assenza di elaborati esami tecnici e medico-infortunistici. In questo senso, l'adeguato nesso di causalità tra il mancato uso delle cinture di sicurezza e le conseguenze dell'incidente subito deve essere considerato come un dato di fatto, nella misura in cui non è necessario ipotizzare il contrario a causa delle particolari circostanze dell'incidente.

Raccomandazione LAINF ad hoc n. 16/83 (testo completo): Persone esonerate dall'obbligo di indossare la cintura di sicurezza

 

Le persone esonerate dall'obbligo di indossare le cinture di sicurezza ai sensi dell'art. 3a, comma 2, dell'Ordinanza sulle norme della circolazione stradale non agiscono con grave negligenza se non indossano le cinture di sicurezza.

Non indossare ausili protettivi

Raccomandazione LAINF ad hoc n. 05/90 (testo completo)

 

Come per l'obbligo di indossare la cintura di sicurezza (vedi Raccomandazione n. 16/83) , lo stesso vale per l'obbligo di indossare il casco:

 

Le persone che sono esentate dall'obbligo di indossare il casco di sicurezza in base alle disposizioni di legge (art. 3 b cpv. 2 e 4 dell'Ordinanza sulle norme della circolazione stradale VRV) non agiscono per negligenza grave se non indossano il casco di sicurezza.

Pugni in faccia dopo aver seguito troppo da vicino per un sorpasso

Sentenza 8C_263/2013 del 19.08.2013 E. 5.2 (testo integrale): Assenza di nesso causale senza riduzione

 

Secondo l'assicurato, voleva sorpassare una BMW che lo precedeva, ma il conducente della BMW non lo lasciava passare. Il passeggero del conducente della BMW ha mostrato il "dito medio" all'assicurato perché era infastidito dal fatto che seguisse troppo da vicino e lampeggiasse con i fari. All'uscita del paese successivo, il conducente della BMW ha frenato l'assicurato a uno spartitraffico, il suo passeggero è sceso e lo ha colpito più volte al volto attraverso il finestrino aperto.

 

Risultato: Nessuna riduzione per mancanza di un adeguato nesso causale.

Tassi di riduzione senza l'influenza dell'alcol

Riduzione del traffico stradale come pedone

Sulla base della raccomandazione ad hoc n. 26/84 LAA annullata:

  • Secondo la legge BGE 148 lll 343 del 20.05.2022, chiunque salga improvvisamente su una linea tranviaria senza assicurarsi che il tram non si stia avvicinando perché sta guardando un telefono cellulare, agisce con grave negligenza. Raccomandazione di riduzione del Coordinamento Svizzera: 20 %
  • Mancato utilizzo del marciapiede/attraversamento pedonale: 10 %
  • Entrata a capofitto nella carreggiata: 10 %
  • Non rispettare i segnali stradali: 10 %

Riduzione del traffico stradale come ciclista o ciclomotorista

Sulla base della raccomandazione ad hoc LAINF n. 26/84 abrogata:

  • Guida nella corsia opposta: 20 %
  • Mancato rispetto del diritto di precedenza in situazioni chiare: 10 %
  • Mancato rispetto dei segnali di stop e dei semafori: 10 %
  • Superamento delle linee di sicurezza: 20 %
  • Sbandamento a sinistra senza tenere conto del traffico: 10 %
  • Superamento del limite di velocità: 10 - 20 %
  • Guida senza luci al buio: 10%
  • Uso della bicicletta senza casco: 0 % (Opinion Koordination Schweiz)
  • Collisione con un'autovettura a causa dell'incapacità di controllare la bicicletta, della disattenzione, della velocità inadeguata di 30 km/h e dell'inosservanza del divieto di guida: 10 % (Solo la presenza o meno della colpa grave è stata oggetto della sentenza 8C_9/2023 del 10.05.2023, ma non l'importo della riduzione.)

Riduzione del traffico stradale come conducente di un veicolo a motore

Basato, tra l'altro, sull'abrogata raccomandazione ad hoc LAINF n. 26/84:

  • Inosservanza del segnale di stop e del segnale luminoso al passaggio a livello (collisione moto/locomotiva in Portogallo): 10 % (sentenza 8C_201/2021 del 01.07.2021) .
  • Superamento della doppia linea di sicurezza: 20 % (sentenza 8C_881/2014 del 12.05.2015).
  • Superamento del limite di velocità: 10 - 30 %
  • Inosservanza dei segnali di stop e dei semafori: 10 %
  • Non rispettare il diritto di precedenza in situazioni chiare: 10 %
  • Svolta a sinistra senza tenere conto del traffico: 10 %
  • Guida sul lato sbagliato dell'autostrada: 20 %
  • Sorpasso pericoloso: 10 - 30 %
  • Guida senza luci: 20 %
  • Utilizzo di un veicolo non idoneo alla circolazione: 10 - 20 %
  • Mancato uso della cintura di sicurezza o del casco: 10 %
  • Uso del cellulare durante la guida: 20 % (Opinion Koordination Schweiz)

UVG > Infrazioni / Reati > Delimitazione della riduzione secondo l'art. 37 cpv. 3 UVG incl. esempio

Gioco e sport / Manipolazione di armi / Dispositivi di protezione

Violazioni flagranti delle regole del gioco e dello sport e delle norme precauzionali generalmente accettate (allenamento, preparazione, equipaggiamento):

  • Riduzione del 10 - 30 %

Sci a velocità inappropriata (guida troppo veloce o spericolata confermata da testimoni):

  • Riduzione del 10 - 30 %

Manomissione di un'arma senza un'ispezione preventiva (canna, caricatore, sicura):

  • Riduzione 10 - 30 %

Lavorare su macchinari senza utilizzare i dispositivi di sicurezza disponibili:

  • Riduzione del 10

Cadere dalla finestra

Sentenza 8C_103/2015 del 01.07.2015 E. 5.2 (testo integrale): No Rischioma colpa grave

 

Distinzione tra rischio e colpa grave:

 

L'assicuratore contro gli infortuni ha il diritto di ammettere che il fatto di sedersi sul

  • sedersi sul cornicione esterno a 6,4 m di altezza durante una vertigine, indipendentemente dal fatto che le gambe siano rivolte verso l'interno o verso l'esterno, costituisce un rischio.

costituisce un rischio.

 

Tuttavia, si deve convenire con il giudice di primo grado e con l'assicurato che non si può presumere, con il grado di prova della probabilità schiacciante consueto nel diritto delle assicurazioni sociali, che l'assicurato sia caduto dalla posizione seduta sul cornicione esterno della finestra alla terrazza.

 

Questo perché, alla luce dei dati disponibili, che non possono essere completati in seguito, sono possibili diverse posture alla finestra aperta. In particolare, sono possibili le seguenti

  • in piedi alla finestra
  • e in ginocchio sul davanzale interno della finestra con la parte superiore del corpo inclinata verso l'esterno,

Queste posizioni non soddisfano la definizione di rischio. In queste circostanze, non è possibile ridurre le prestazioni a causa dell'assunzione di un rischio.

Saltare nel fiume

Sentenza 8C_873/2014 del 13.04.2015 (testo integrale): Riduzione 30

 

Salto deliberato da un'altezza di circa tre metri nel piede freddo di otto gradi; successivamente trasportato dalla corrente per circa venti minuti per quasi cinque chilometri; infine soccorso dai vigili del fuoco con rianimazione riuscita.

 

Riduzione delle indennità giornaliere del 30 % per negligenza grave ai sensi dell'art. 37 cpv. 2 LAINF.

Scambio di parole non amichevole / semplice provocazione

Sentenza 8C_877/2009 del 28.06.2010 E. 3.3.2 (testo completo): No Rischioma colpa grave

 

Fatti: l'assicurato è salito sul tram alla stazione di Y. contemporaneamente ad altre persone e ha iniziato a gesticolare e a parlare in tono stridulo al cellulare. Poco prima di raggiungere l'ultima fermata, si è recato nella parte più arretrata del tram dove ha incontrato D., di carnagione scura, che lo ha colpito dopo aver preso il tram. Quest'ultimo lo ha fatto cadere con una testata dopo che lui stesso aveva pronunciato le parole "negro" o "negro" e gli ha dato almeno uno schiaffo in faccia o un pugno e almeno un calcio.

 

Risultato: l'assicurato trascura il fatto che oggettivamente l'espressione "negro" è percepita come razzista nei confronti di una persona di pelle scura. ... In quest'ultimo caso non si vede alcuna provocazione. Nel complesso, la negligenza grave dell'intervistato è dimostrata con schiacciante probabilità. Riduzione del 20% delle prestazioni ai sensi dell'art. 37 cpv. 2 LAINF.

 

ATSG > Rischi eccezionali > Forte provocazione

Tassi di riduzione con l'influenza dell'alcol

Guida di un veicolo a motore in stato di ebbrezza

0,50-0,79 per mille: Riduzione del 10 - 15%

  • Secondo l' art. 91 SVG , la guida in stato di ebbrezza è un reato. Diventa un reato al raggiungimento di una concentrazione qualificata di alcol nel sangue. La concentrazione qualificata di alcol nel sangue è stabilita dal Parlamento in un'ordinanza (art. 55 SVG) . L'Assemblea federale ha fissato la concentrazione qualificata allo 0,8%o.
  • Esaminare il cumulo con altre condizioni di riduzione per negligenza grave.

Dallo 0,80 per mille:

Riduzione per i passeggeri ai sensi dell'art. 37 comma 2 UVG del 20% se il conducente è ubriaco oltre il 2,00 per mille.

Ciclisti e motociclisti ubriachi

Sulla base della raccomandazione ad hoc LAINF n. 26/84, abrogata:

 

Grado di alcolizzazione: Riduzione

  • 0,80 - 1,49 per mille: 10 %
  • 1,50 - 1,99 per mille: 20 %
  • Oltre 2,00 per mille: 30 %

Comportamento alcolico nella vita quotidiana e durante lo sci

Chiunque si ubriachi pesantemente (almeno il 2%o) e perda l'equilibrio mentre sale le scale e cada, è irrilevante che l'assicurato non abbia davanti a sé un percorso difficile o pericoloso per tornare a casa o che non debba compiere alcuna azione di questo tipo (Rapporto annuale Suva 1959):

  • Riduzione del 20 %

Chiunque si trovi nel garage in stato di ebbrezza ( 3,3%o) con il motore acceso (Rapporto annuale Suva 1969):

  • Riduzione 50 %

Sci: Riduzione per guida troppo veloce o spericolata sotto l'influenza dell'alcol:

  • Riduzione 10 - 30 %